Tra mito e realtà, un viaggio nella Palermo sotterranea attraverso un reticolo di cunicoli e caverne nei quali i Beati Paoli si riunivano segretamente. Un tour organizzato dall’associazione Cultour Palermo, guidato da Vincenzo Ganci, attraverso il quale torna alla luce l’antica città con  i suoi bastioni, le storiche piazze e le porte delle quali rimane oggi solo il nome, perché distrutte dal nuovo piano urbanistico attuato alla fine dell’800. Da Corso Alberto Amedeo dove sorge l’antica catacomba paleocristiana scoperta nel 1739 sino al Capo dove, secondo il Natoli, la setta dei vendicatori incappucciati, attuava  terribili vendette, e che, nel corso dei secoli, influenzò anche molti personaggi del sistema mafioso. (di Paola Pottino)